Chirurgia Estetica Milano

Informazioni sugli Interventi di Chirurgia Estetica

Chirurgia Estetica

Mature male surgeon gazing and looking at camera at hospital, close up shot

La chirurgia estetica ha come scopo quello di correggere e migliorare i difetti e le imperfezioni fisiche, ridonando armonia fisica e psichica al paziente. L’immagine e la salute sono sempre più rilevanti, per cui un paziente può decidere di correggere alcuni difetti congeniti che non permettono di stare bene con il proprio corpo, o ancora lenire gli effetti della vecchiaia o infine correggere imperfezioni giunte durante il corso degli anni a seguito di episodi spiacevoli ed imprevisti.

Infatti i difetti essenzialmente sono di due categorie:

– Congeniti

– Acquisiti

I difetti congeniti sono legati a fattori genetici e sono indipendenti dalle proprie scelte di vita. Questi infatti dipendono essenzialmente dall’invecchiamento, dall’aumento di peso ed influenzano la nostra immagine in maniera complessa e spesso vasta.

Un esempio è rappresentato dalle adiposità che difficilmente sono localizzate, bensì spesso sono disposte durante tutta la parte bassa del corpo.

I difetti acquisiti invece sono indotti da incidenti, brusche cadute e più in generale da episodi improvvisi che minano particolari punti del corpo, creando il più delle volte inestetismi localizzati ma di marcata entità.

Nuova concezione della chirurgia estetica: Chirurgia Combinata

In generale i pazienti si focalizzano sull’inestetismo più evidente e che causa maggiore disagio, chiedendo un intervento esclusivo su quello e non si pongono in un’ottica generale di valutazione totale della propria immagine in assenza dell’inestetismo “tanto odiato”.

Questo approccio oltre a rilevarsi non efficace, potrebbe compromettere anche la naturalezza della propria immagine. Per esempio una liposuzione addominale, potrebbe mettere in evidenza altri inestetismi o creare un profilo non armonioso.

Per questo motivo l’attuale approccio della chirurgia estetica non si basa sulla localizzazione del singolo inestetismo, ma vede il corpo nella sua totalità, cosi da offrire risultati in grado di garantire l’armonia reale del corpo e di conseguenza evitare che i pazienti si ritrovino scontenti, sebbene venga eseguito alla lettera ciò che era stato richiesto dal loro.

Infatti, nessun inestetismo si può ritenere corretto senza avere una visione di insieme. Questo approccio innovativo comporta notevoli vantaggi e prende il nome di chirurgia estetica combinata, che attualmente è la tecnica di maggiore successo e più consigliata:

– I tempi di guarigione sono migliori rispetto alla somma dei tempi necessari richiesti dal ripristino degli interventi effettuati singolarmente e non in maniera combinata.

Risparmio economico significativo, poiché le spese di staff, anestesia e sala operatoria devono essere sostenute un’unica volta.

Risultati eccellenti ed armoniosi, poiché si interviene sull’intera immagine o su aree estese per garantire l’armonia totale del corpo.

Questo naturalmente richiede la necessità di rivolgersi a veri professionisti, eccelsi nella materia, in grado di avere una visione di insieme e quindi intervenire in maniera completa su più parti del corpo. In tale ottica, per esempio, un intervento di chirurgia estetica mirato ad occhi, non rimane fine a se stesso, ma si estende a tutto il viso, ove il compito del chirurgo estetico sarà quello di garantire l’armonia generale del viso, magari distendendo alcuni muscoli del viso.

Interventi estetici del viso

Il viso è considerato una delle parti più importanti del nostro copro, poiché in grado di comunicare emozione ma anche perché sempre in prima mostra e, pertanto, ritenuto il bigliettino da visita del nostro corpo.

Lui innesca le prime emozioni negli altri e determina in maniera significativa sia i rapporti sociali che quelli lavorativi. Tutti questi elementi devono essere considerati nell’ottica della chirurgia combinata che quindi deve garantire di offrire un’immagine naturale, credibile e apprezzata.

Si intuisce facilmente come l’obbiettivo principale della chirurgia estetica sia quello di donare un viso naturalmente gradevole. I possibili inestetismi del viso variano dal naso aquilino fino alle labbra sottili o all’acne e alle cicatrici.

Vedi: lifting, blefaroplastica, otoplastica.

Per cui durante la modellazione dello stesso il chirurgo deve essere in grado di mettere in luce i punti di forza e non eccedere per evitare di creare effetti non naturali.

In generale gli interventi richiedono dalle poche ore fino ad arrivare anche a 6/7 ore, nei casi più complessi. Tuttavia la degenza non è mai molto dolorosa ed il ripristino richiede al più 30 giorni.

Interventi estetici nella zona addominale

Dopo gli interventi al viso, la richiesta maggiore riguarda la chirurgia estetica addominale.

Questa è molto richiesta dalle donne ma anche dagli uomini. Non sempre l’attività fisica permette di avere un addome grazioso o scolpito, e spesso i difetti congeniti causano accumuli di grasso che non si riescono ad eliminare, se non intervenendo in maniera chirurgica. Per cui con il fine di eliminare le adiposità, ma più in generale garantire un busto armonioso ed in linea con il resto del corpo, il chirurgo estetico valuta l’intera zona addominale per agire in maniera totalitaria e rimodellare l’intero busto.

Gli inestetismi principali degli addomi sono l’adiposità’, la lassità cutanea e le smagliature (specialmente nelle donne). Per cui a secondo della gravità di ognuna, il chirurgo agirà in maniera combinata o meno per offrire un risultato generale eccelso.

Inoltre l’evoluzione tecnologica garantisce in questi casi un’operazione davvero poco invasiva, anche nel caso combinato, e tempi di ripristino veloci. In particolare la liposcultura addominale è una delle tecniche più impiegate, garantendo sia di eliminare le adiposità ma anche di modellare il busto e il bacino, restituendo le giuste proporzioni.

Se si possiede una cute elastica l’intervento risulta essere molto efficace e davvero poco invasivo. Inoltre le cicatrici rilasciate sono davvero invisibili e scompaiono nell’arco di pochi mesi.

Altra tecnica molto impiegata e particolarmente innovatrice è la microchirurgia dell’addome, che richiede solo due o tre sedute di meno di un ora ma garantisce cicatrici ancore minori e non sono richiesti punti di sutura bensì solo l’applicazione di un cerotto per poche settimane.

Interventi estetici per gambe, glutei e cosce

Anche in questo caso gli approcci sono diversi e spesso richiedono la necessità di agire in maniera combinata per un risultato eccelso e ridurre sia i tempi di guarigione sia i costi. Le tecniche impiegate sono personalizzate a secondo delle esigenze dei pazienti e dei loro inestetismi, questo richiede grande esperienza da parte del chirurgo estetico.

Le attuali tecniche di chirurgia garantiscono soluzioni più rapide, efficaci e meno invasive. Infatti si interviene solo tramite anestesia locali, e le cicatrici sono invisibili e trascurabili non appena è terminato il processo di guarigione.

In questo caso lo scopo della chirurgia è quella di proporzionare correttamente le gambe rispetto alla parta basse del busto e i principali inestetismi essenzialmente sono dovuti a cellulite. Questa si concentra principalmente all’interno della coscia, intorno al ginocchio e nelle zone del polpaccio.

Per cui per ridonare la corretta armonia è necessaria agire tramite liposcultura in queste zone, tramite l’impiego di precise tecniche che garantiscono un’elevata delicatezza ma allo stesso tempo un risultato preciso e apprezzabile fin da subito.

Pertanto una delle tecniche maggiormente impiegate in questo caso è la Wet Lipo Lift. Oltre alla cellulite gli inestetismi possono essere indotti anche dal rilassamento dei tessuti. In tal caso la tecnica più adeguata si basa sul lifting che permette di rassodare la pelle e quindi dare una nuova tonicità alle gambe.

A seconda della gravità degli inestetismo si potrà usare anche tecniche ancora più precise e soft come la microchirurgia, che permette una guarigione più rapida ed ha il vantaggio di essere davvero poco invasiva e non lasciare praticamente cicatrici di alcun genere dopo un mese dall’operazione.

I risultati in questo caso possono essere giudicati eccelsi. Altro luogo ove spesso si interviene sono i glutei che ha causa di invecchiamento o fattori congeniti, spesso tendono a rilassarsi o a presentare notevoli inestetismi.

In tal caso si possono applicare tecniche simili a quelle che si impiegano per le gambe, essendo i fattori che determinano gli inestetismi ai glutei assolutamente assimilabili a quelli della gambe:

– Cellulite

– Rilassamento cutaneo

Alle tecniche già indicate in tal caso si affiancano la torsoplastica per aumentare la tonicità dei muscoli in caso questi siano troppo rilassanti oppure la il lipofilling per glutei svuotati o piatti.

Tutte le tecniche sono poco invasive ed hanno le stesse caratteristiche, sia in termini di risultati che di convalescenza, di quelle applicate per le gambe. Cosi come la torsoplatica, indicata per glutei che hanno perso la propria tonicità muscolare, rappresenta una tecnica davvero celere e sicura, che può essere applicata anche alle ragazze e induce cicatrici davvero trascurabili, che permettono senza problemi di indossare anche slip di dimensioni davvero ridotte.

L’anestesia in questi casi è locale e sarà il chirurgo a determinare i punti più adatti dove intervenire, cosi da ridurre al minimo le cicatrici. La tecnica indurrà solo qualche arrossimento del tessuto che scomparirà nell’arco di poche settimane, lasciando i glutei tonici e ben posizionati verso l’alto. Dopo l’operazione sarà necessario tenere un opportuno bendaggio per qualche settimana.

Anche in questo caso, in presenza di inestetismi di lieve entità si potrà impiegare il lifting microchirurgico in grado di garantire risultati eccelsi solo dopo un paio di sedute di circa 30 minuti. In tal caso, a differenza della torsoplastica, il rassodamento avverrà in maniera graduale ma le cicatrici saranno davvero ridotte al minimo. Inoltre questa tecnica si riesce a combinare in maniera armoniosa e sinergica con la lipoaspirazione, cosi da ottenere ottimi risultati nei pazienti i cui inestetismi sono indotti a una combinazione di accumulo adiposo e rilassamento dei muscoli o tessuti.

Infine il lipofilling permette di riempire i glutei nelle zone in cui l’assenza eccessiva di grasso crea buchi o solchi. Questo spesso accade a seguito di diete intense o rilassamenti. La tecnica permette una corretta distribuzione dei grassi, aspirando dalle zone in eccesso per distribuirle in quelle carenti.

La tecniche sebbene poco invasiva richiede grande esperienza da parte del chirurgo che deve riuscire a collocare correttamente il grasso nelle zone che sono carenti di questo, e modellare il tutto con estrema attenzione e accortezza. Anche in questo caso i tempi di guarigione sono davvero celeri e le cicatrici risulteranno invisibili dopo pochi mesi.

In questo caso si può ricorrere al lipofilling, cioè il riempimento delle forme, aspirando il grasso in esubero da una zona del corpo nascosta (come la parte interna del ginocchio) e inoculandolo ad arte in modo da ottenere un apprezzabile rimodellamento dei glutei che ritrovano rotondità e proiezione.

Trattandosi di materiale autologo (proveniente cioè dallo stesso organismo), non ci saranno problemi di allergie o rigetto: il grasso infiltrato in piccola percentuale verrà riassorbito dall’organismo e per lo più rimarrà nella sede prevista creando un riempimento di notevole effetto estetico.

Costi medi interventi di chirurgia estetica

Nel casi siano necessari interventi per eliminare gli inestetismi e ridare la giusta armonia al proprio copro non affiatatevi a medici improvvisati o che promettono miracoli a poco prezzo.

Purtroppo il costo degli strumenti necessari per fare un buon lavoro, così come l’impiego di sale perfettamente sterili richiede un costo significativo per garantire un risultato ottimale privo di rigetti e che non metta il paziente a rischio di infezioni.

Tuttavia si possono trovare medici che possono offrire il meglio ai propri pazienti a prezzi sicuramente ragionevoli, seppur non strappati. Inoltre bisogna anche tenere conto delle spese ortopediche nel caso di interventi più complesso o delle stampelle e dell’impiego delle sedie a rotelle. Per cui riflettendoci bene i costi di strumentazione da sostenere non sono trascurabili, soprattutto in un campo in cui esigere la qualità è d’obbligo per tutelare la propria salute.

Anzi, i medici che non mettono al primo posto la qualità dei materiali da impiegare sono da escludere immediatamente. Si intuisce facilmente che l’unico costo variabile è la tariffa dello stesso dottore, ove si potrà risparmiare qualcosa ma non aspettatevi cifre significative.

Il consiglio in questi casi è quello di sceglier il medico a cui affidarsi non per il tariffario ma per la professionalità e la fiducia che riesce a dare al paziente. Naturalmente consultate più specialisti per avere una visione ampia e decidete con serenità quello più opportuno alle proprie esigenze e optate per quello che sarà in grado di tutelare al meglio voi e la vostra salute, operandovi in una struttura specializzata e con macchinari moderni.

Pertanto tenendo ben chiaro quanto sopra, i prezzi sono molto variabili a seconda delle zone da trattare, la cui forbice parte da un minimo che spesso si aggira sulle poche centinaia di euro fino ad arrivare anche a 5.000 euro o più specialmente nel caso dell’impiego di interventi combinati che richiedono un impiego di un equipe maggiormente specializzata ma soprattutto la necessità di affidarsi a cliniche con moderne impianti e dotati di tutto il necessario non solo per gestire le operazioni ma anche intervenire tempestivamente in caso di complicazioni.

Theme by Anders Norén